15 Giugno 2021
News
percorso: Home > News

Valutazioni ancora interessanti per i Mercati di frontiera

07-03-2014 15:26 -
Mark Mobius, Executive Chairman, Templeton Emerging Markets Group
I mercati di frontiera rimangono tra le opportunità di investimento più interessanti per gli investitori azionari globali. Mentre le caratteristiche dei mercati di frontiera differiscono di regione in regione e di paese in paese, considerati nel loro insieme essi condividono una serie di caratteristiche. Tra le analogie ci sono alti livelli di crescita economica e livelli relativamente bassi di indebitamento pubblico e privato, che liberano il potenziale di un´accelerazione della crescita, come anche valutazioni che riteniamo siano spesso sotto i livelli di aziende equivalenti nei mercati sviluppati e nei mercati emergenti più vecchi. Anche le fonti interne di crescita, incluse risorse naturali poco sfruttate, manodopera a basso costo, trend demografici favorevoli ed un potenziale recupero tecnologico dovrebbero in futuro continuare a sostenere lo sviluppo dei mercati di frontiera.
Negli ultimi mesi i mercati di frontiera hanno generalmente sovraperformato i loro omologhi dei mercati emergenti perché tendono ad essere più esposti alle loro economie domestiche, che si stanno sviluppando rapidamente, rispetto all´economia globale che sta crescendo ad un ritmo molto più lento.
Concentrandosi su alcuni singoli paesi dalla performance forti, gli Emirati Arabi Uniti hanno beneficiato dei migliori dati economici locali e della prospettiva della crescita di flussi commerciali internazionali attraverso il porto di Dubai. È probabile che il recente aggiudicarsi dell´Expo Mondiale del 2020 da parte di Dubai fornirà ulteriore impeto ad un mercato immobiliare già consolidato. Migliori notizie economiche dall´area euro ed alcuni sviluppi locali positivi hanno spinto una serie di mercati dell´Europa orientale, nello specifico la Repubblica di Serbia e la Bulgaria, verso significativi miglioramenti. In Asia, il Pakistan è avanzato grazie a migliori prospettive di crescita, ad un nuovo programma di finanziamento del Fondo Monetario Internazionale (FMI) e a speranze che le riforme economiche pianificate saranno realizzate nel 2014.
Alla fine di gennaio le valutazioni nei mercati di frontiera rimanevano per noi interessanti. Come potete vedere dalla tabella sottostante, l´MSCI Frontier Markets Index scambiava ad un rapporto storico prezzo/ rendimenti di 13.6 volte, molto meno delle 17.4 volte del rapporto P/E per l´MSCI World Index. Per quanto riguarda il rapporto P/BV, i mercati di frontiera ci appaiono attraenti a 1.8 volte, rispetto alle 2.1 volte per l´MSCI World Index. Il dividend yield è anch´esso molto più alto nei mercati di frontiera al 3,6% rispetto al 2,5% per l´MISC World Index. Inoltre, alcuni singoli mercati hanno anche a nostro parere valutazioni più interessanti. Per esempio, Ucraina, Serbia, Argentina, Bulgaria e Kazakistan stanno tutti scambiando a rapporti P/E di una cifra. Quindi siamo stati in grado di trovare titoli più economici che pensiamo siano meglio valutati. Certamente non è il caso di ogni singola azienda che opera nei mercati di frontiera, ma vale certamente per molte di loro. Di conseguenza, riteniamo sia importante condurre una ricerca approfondita e studiare ogni singola azienda piuttosto che generalizzare.

Realizzazione siti web www.sitoper.it