23 Settembre 2017
immagine di testa


News

Le Opzioni e i clienti Ultra-Affluent

01-06-2016 01:00 - Options Capital Advisors
Steve Braverman
Per più di 20 anni, Steve Braverman ha aiutato famiglie ultra-affluent a gestire e far crescere le loro ricchezze anche grazie all´utilizzo delle opzioni nella pianificazione degli Investimenti. "Ho iniziato sul floor del Chicago Board Options Exchange nel 1984 e mi sono occupato di opzioni sin da allora. E´ stata l´esperienza e l´efficienza di questi mercati che mi ha dato fiducia nel raggiungere i miei obiettivi di Wealth Manager."

Oggi Steve è Executive Managing Director del Pathstone Family Office, con sede nel New Jersey e ha clientela in tutti gli USA per oltre 2 miliardi di $ di asset sotto gestione. A inizio anno è stato incluso da CNBC nelle società Top 100 Fee Only di Wealth Management.

"Nonostante io abbia avuto un background da professionista nel trading d´opzioni, ciò non rappresenta un prerequisito necessario per poter portare le opzioni nei portafogli dei clienti come pratica per accrescere la relazione da parte di un Wealth Advisor. Chiunque desideri investire il proprio tempo nell´acquisire conoscenze sull´utilizzo delle opzioni per il risk management o per strategie dinamiche, aggiunge valore alla propria professionalità".

"Mentre alcuni clienti ultra-affluent si dicono contenti nel preservare le loro ricchezze (e così i loro Private Banker che pianificano senza sforzi e senza apportare valore aggiunto) ce ne sono altri, magari imprenditori, creatori di ricchezza di prima e di seconda generazione, che si rivolgono a noi e ci affidano delle missioni precise e ben diverse dal prendere il denaro e metterlo sotto il materasso. Ottimizzazione fiscale ed obiettivi di lungo termine si raggiungono con un´attenta gestione quotidiana degli alti e bassi dei Mercati Finanziari. Le opzioni servono proprio a questo".

"Ci sono tante strategie che si possono implementare. Abbiamo avuto successo nelle coperture. Noi lavoriamo con un discreto numero di executive e senior manager di società quotate che spesso non desiderano o non è consentito loro vendere le quote di partecipazione che detengono nelle loro società. Non è considerato positivo nemmeno un loro coinvolgimento in transazioni sui derivati over-the.counter che potrebbe essere offerto da qualche casa d´Investimento. Tuttavia, persino un executive che è molto fiducioso sulla propria azienda, potrebbe desiderare coprire i rischi relativi al settore in cui l´azienda è esposta".

"Abbiamo avuto esempi di ciò nel settore Banking e Real Estate, dove i CEO non volevano vendere ne coprire le loro posizioni sulle azioni in loro possesso ma erano altrettanto desiderosi di scommettere sull´outperformance della loro società rispetto al settore. Abbiamo così utilizzato le opzioni per andare short su ETF settoriali eliminando in questo modo parte del rischio Beta connesso alle loro partecipazioni molto concentrate".

"Per un altro nostro cliente abbiamo implementato una serie di Put Spread al giusto livello per coprire il rischio di discesa del titolo che la sua famiglia deteneva da tanti anni".

"Un´altra area di una certa importanza è l´utilizzo delle opzioni per coprire il rischio di cambio. Per es. recentemente, un nostro cliente ha comprato un´automobile italiana da un milione di dollari: la consegna era prevista ad un anno e il pagamento in euro. Abbiamo quindi utilizzato le opzioni su ETF eur/usd per aiutarlo in un modo molto semplice a mitigare l´esposizione alla valuta connessa al periodo di tempo intercorrente tra il momento dell´ordine e quello dell´effettivo pagamento".

Steve conclude con la seguente riflessione: "Penso che, come Wealth Advisor, dovremmo capire che i clienti chiedono soluzioni sempre più adeguate e professionali alle loro necessità; se ci sono tecniche efficienti per gestire il rischio è nostra responsabilità, come industria, elevare la discussione, informare e formare i clienti, e individuare le migliori opportunità per l´ottimizzazione del portafoglio. Ciò è determinante per il successo della relazione tra cliente ed advisor".


[Realizzazione siti web www.sitoper.it]