18 Novembre 2017

Financial Advisors

Il ruolo dei Financial advisor nella crescita del mercato statunitense delle opzioni determinante. L’Istituto Bellomy Research nel marzo 2014 ha condotto uno studio benchmark, commissionato dall’Option Industry Council, in cui sono stati intervistati 637 financial advisor: risultato che il 61% di essi ha utilizzato le opzioni per i propri clienti nel corso del 2013, un incremento significativo rispetto al 48% che erano nel 2011 (indagine precedente). Rileva il fatto che le opzioni vengono utilizzate sia dagli advisor delle grandi case (Wirehouse), per intenderci Merrill, Morgan Stanley, UBS, Wells Fargo, ecc. sia dai consulenti indipendenti fee-only (RIA-Registered Independent Advisor).
L’indagine ha evidenziato che l’87% degli advisor con portafogli superiori ai 100 milioni di $ utilizzano le opzioni (in incremento rispetto al 78% del 2011), mentre la percentuale scende al 72% per coloro che non raggiungono tale soglia di asset under management. Richiesti di esprimere su quali sottostanti normalmente negoziano opzioni, si ha che l’88% degli advisor lavora su singole azioni, il 59% su ETF e Indici, il 55% su obbligazioni e il 44% su future e commodity.
Lo studio ha inoltre rilevato che la maggior parte dei consulenti utilizza le opzioni per generare reddito (il covered call writing la strategia pi utilizzata) o coprire (hedging) il portafoglio dei clienti e in misura minore vengono proposte strategie speculative.
Le opzioni vengono comunemente utilizzate per proporre consulenza personalizzata e diversificazione dei portafogli a clientela affluent e high net worth individual, normalmente con asset superiori ai 250.000 $. Spesso, sono i clienti stessi a richiedere l’utilizzo delle opzioni, ma altrettanto sorprendente che siano i regional broker/dealer e le wirehouse ad incentivarne maggiormente la diffusione fornendo education e tool necessari e nel rispetto della massima trasparenza: la maggioranza delle opzioni negoziate dagli advisor sono su borse regolamentate ma rispetto al 2011 cresciuta la quota di opzioni OTC emesse dalla stessa banca-broker.
Dimensione: 266,87 KB

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]